FORTUNA E SFORTUNA

7b021711b01a361912185428fd52f2da

ESPAÑOL

ACCADONO COSE CHE SONO COME DOMANDE. PASSA UN MINUTO, OPPURE ANNI, E POI LA VITA TI RISPONDE..” Alessandro Baricco

Vi lascio questa frase di Alessandro Baricco per introdurre il racconto di questo venerdí.

A volte le cose non sono come ci sembrano all’inizio.

Buona lettura e buon week end

Con affetto

Federica

Tanti anni fa, nel nord della Cina viveva un modesto contadino.

Un giorno, tornò felice e soddisfatto dalla fiera del bestiame.

Aveva difatti appena coronato il progetto per il quale aveva lavorato duramente per cinque anni: aveva acquistato una giovane e bella puledra.

Qualche giorno dopo, però, il suo unico cavallo scappò verso la vicina steppa, popolata da nomadi;

tutto il villaggio ne restò addolorato ed i vicini vennero per giorni e giorni a compatire il contadino per la sua sfortuna.

Il contadino, però, non si mostrava addolorato e, alzando le spalle, rispondeva imperturbabile che “FORTUNA O SFORTUNA…CHI PUÓ DIRLO?”.

Tre mesi dopo, la puledra riapparve all’alba nella fattoria del contadino, gravida ed accompagnata da un meraviglioso stallone.

Tutti i vicini vennero a congratularsi con il contadino, riconoscendogli di aver avuto ragione a non disperarsi: invece di una cavalla, ormai ne aveva tre. Poteva ritenersi ricco e lavorare meno.

Ma lui, imperturbabile, rispondeva che “le nuvole portano la pioggia benefica per i campi ma talvolta provocano anche disastrosi uragani. “FORTUNA O SFORTUNA…CHI PUÓ DIRLO?”.

E continuava a lavorare duramente nei campi, esattamente come il giorno dopo aver perso la puledra.

L’unico figlio maschio del contadino trascorse dei mesi piacevolissimi ad addestrare lo stallone, ma un giorno cadde dal cavallo e si fratturò la gamba. I vicini compiansero il contadino, ma lui rispose a tutti solo così: “FORTUNA O SFORTUNA…CHI PUÓ DIRLO?”

Pochi giorni dopo, scoppiò una guerra contro i mongoli e tutti i giovani abili furono mandati a combattere e, purtroppo, ben pochi tornarono a casa.

Ma il figlio del contadino, grazie alle sue stampelle, non fu precettato e scampò al massacro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...